E a capotavola il Nonno

Ogni paese ha le sue leggi, ogni famiglia ha le sue regole. La nostra ne ha poche e semplici: il Nonno siede a capotavola e i litigi si tengono fuori dalla sala da pranzo. Certo, ci vogliamo tutti bene, ma stare nella stessa stanza per una giornata intera… Riuscirà la diga a reggere fino alla fine della serata, così da dimenticare i parenti serpenti fino all’anno prossimo? O qualcuno deciderà finalmente di vuotare il sacco?

E a capotavola il Nonno, ignaro dei silenzi imbarazzati e delle volontà contrapposte del resto della famiglia. La tavola imbandita è una terra di nessuno e solo la voce del capofamiglia, in forma di traccia audio, saprà riempire di calore l’atmosfera.
Chissà se tra un aneddoto e l’altro i familiari riuniti troveranno il modo di dire quello che pensano davvero, con il rischio di dare inizio a una valanga di confessioni e battibecchi. L’importante è non dispiacere il Nonno o questa potrebbe essere l’ultima cena insieme.

Autore:Mirco Gaviano, Chiara Locatelli & Marco Tamburrino
Ruoli:Da 7 a 12, senza specifiche di genere.
Tempo:2 ore.
Rigiocabilità:Media.

Il gioco è condotto da una traccia audio. A ogni partita emergono elementi e segreti differenti.

Leitmotiv:Famiglia, commedia all’italiana, parenti serpenti, ironia, ipocrisia, segreti.
Materiali:Voce dell’esperienza
Voce dello sconforto
Segnaposti
Albero genealogico
Regole del bon ton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.